Vivere e lavorare a Sao Tome e Principe
Sao Tome e Principe, paese dell’Africa centrale, situato sull’Equatore nel Golfo di Guinea.
Si compone di due isole principali – São Tomé e Principe – e diversi isolotti rocciosi, tra cui Rôlas, a sud dell’isola di São Tomé, e Caroço, Pedras e Tinhosas, a sud di Príncipe.
Negli ultimi anni, l’economia di São Tomé e Príncipe ha visto una crescita e uno sviluppo importanti trainati dai settori dell’edilizia, dei trasporti e della vendita al dettaglio.
Sao Tome e Principe ha un grande potenzialità per evolvere in un Paese a reddito medio in base alle sue dimensioni e al PIL pro capite soprattutto dal crescente turismo internazionale.

I vulcani e le montagne di Sao Tome e Principe

A sud e ad ovest di entrambe le isole, alte montagne vulcaniche precipitano precipitosamente verso il mare, sebbene nessuna delle due isole abbia mai visto attività vulcaniche negli ultimi secoli.
Le montagne scendono gradualmente in piccole pianure nel nord-est.
Il picco di São Tomé, il punto più alto dell’isola principale, si eleva a 2.024 metri sul livello del mare, mentre il picco del Príncipe sull’isola più piccola raggiunge i 910 metri (910 metri).
Queste aree montuose sono profondamente segnate dall’erosione del torrente e spiccano spettacolari tappi vulcanici isolati come punti di riferimento.
Ruscelli veloci e rocciosi corrono verso la costa in ogni direzione.

Il clima di Sao Tome e Principe

Il clima è tropicale a causa della morfologia del territorio crea una vasta gamma di microclimi.
I venti umidi meridionali prevalenti sono intercettati dalle montagne, quindi le precipitazioni annuali superano i 275 pollici (7000 mm) nella parte sud-occidentale dell’isola di São Tomé, mentre il nord-est lontano riceve meno di 30 pollici (760 mm).
Il periodo migliore per visitare São Tomé va da giugno a settembre, mentre per Principe va da metà giugno a metà settembre, essendo il periodo più secco, in cui piove raramente. Va comunque ricordato che il cielo è spesso nuvoloso anche in questa stagione.
La stagione secca più turistica chiamata gravana, dura da giugno a settembre nel nord-est, ma è appena percettibile nelle regioni più umide.
Nelle zone costiere la temperatura media annuale è alta, di giorno(20 gradi o superiore ); anche l’umidità relativa media è alta, circa l’80 percento.
Le temperature medie diminuiscono bruscamente con l’elevazione e le temperature notturne scendono sotto i 10 °C a circa in particolare sulle alture.
Sopra i 3000 metri di altezza, le nebbie nebbiose cadono quasi continuamente e le notti sono fredde, anche se il gelo e la neve sono sconosciuti.

Fauna e vegetazione di Sao Tome e Principe

La vegetazione originaria delle isole era lussureggiante foresta pluviale tropicale, con una graduale transizione dalla foresta di pianura alla foresta di nebbia.
Alcune zone delle isole, principalmente a sud e ad ovest, sono ancora coperte dalla foresta pluviale.
Gran parte di questa è una crescita secondaria sulle terre abbandonate.
La flora e la fauna includono molte specie rare ed endemiche, che riflettono l’isolamento e la diversità ambientale delle isole.
Uccelli come ibis, shrike e Beccogrosso si possono trovare a Sao Tome e Principe.
Molte delle piante, uccelli, rettili e piccoli mammiferi sono minacciati dalla pressione sulla foresta pluviale rimanente.

Gruppi etnici Sao Tome e Principe

La popolazione è composta principalmente da Forros (da forro, portoghese per “uomo libero”), discendenti di europei immigrati e schiavi africani.
Un altro gruppo, gli Angolares, discese dagli schiavi angolani in fuga che naufragarono a São Toméo nel 1540.
Gli Angolari rimasero separati nella zona meridionale isolata dell’isola di São Tomé fino alla fine del XIX secolo, ma in seguito si diffusero in tutto il paese e divennero in gran parte assimilati .
I capoverdiani formano il gruppo più numeroso di stranieri residenti; molti hanno adottato la nazionalità di São Tomé. Angolani e Mozambicani costituiscono la maggior parte del resto della comunità di immigrati africani.
Come i capoverdiani, sono relativamente ben integrati con gli altri isolani, a causa di un background culturale lusitano-africano condiviso.
C’è una piccola popolazione europea, principalmente di origine portoghese oppure delle ex colonie lusitane.

Le lingue di Sao Tome e Principe

Essendo stata una ex colonia del Portogallo, il portoghese è la lingua ufficiale parlata e compresa da tutti gli isolani.
Inoltre, si parlano tre creoli di lingua portoghese:
Sãotomense, parlato dai Forros e con il maggior numero di parlanti;
Angolare, la lingua degli angolari, parlata nella punta meridionale di São Tomé;
e Principato, parlato da poche centinaia di persone su Príncipe.

La religione di Sao Tome e Principe

Più della metà della popolazione appartiene alla Chiesa cattolica romana.
Il resto di coloro che professano un’affiliazione religiosa è principalmente protestante.
Le pratiche e le credenze religiose africane tradizionali sono diffuse, anche tra gli aderenti ad altre fedi.
Più di un quinto della popolazione si identifica come non religioso (ateo).

Economia di Sao Tome e Principe

L’economia del paese è estremamente fragile, in quanto la base produttiva non è diversificata, perché storicamente basata esclusivamente sull’esportazione del cacao e sugli aiuti internazionali.
La struttura economica è prevalentemente caratterizzata dal settore dei servizi terziari.
Costituito principalmente dal settore pubblico e dal commercio, che rappresenta il 61 % del PIL. mentre l’agricoltura e l’industria contribuiscono rispettivamente per il 20% e il 19% alla formazione del PIL.
La produzione agricola è molto bassa ed il settore soffre di scarsa disponibilità di materie prime; infatti il paese non è dotato di risorse naturali.
Il settore manifatturiero rappresenta meno del 5 % del PIL.
L’unico settore in cui sono rilevanti gli investimenti stranieri è quello turistico.
L’isola di Sào Tomé é stata la più grande esportatrice di cacao fino agli anni 1990, quando i prezzi della fava di cacao sono scesi.
Successivamente i contadini hanno iniziato a diversificare la produzione con frutti tropicali e colture di caffè, olio di palma, palma da cocco e delle arachidi.
lntroiti molto importanti provengono dalla pesca, soprattutto dalla vendita di licenze, nelle proprie acque territoriali a flotte di paesi stranieri.
Il settore secondario è poco articolato: le industrie presenti producono: sapone, bibite analcoliche, birra e manufatti.
Per favorire l’afflusso di capitale estero dal 2000 nell’area della Baia das Agulhas nell’isola di Principe è stata istituita una zona franca.

Come trovare lavoro a Sao Tome e Principe

http://www.maisempregos.pt/emprego/estrangeiro-sao-tome-e-principe

http://www.net-empregos.com/emprego-sao-tome-e-principe.asp

Se invece volete cercare informazioni e lavoro a Capo Verde.
https://www.lavoroeestero.it/vivere-e-lavorare-capo-verde/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *